Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d'ufficio dei dati

Sulle autocertificazioni acquisite, l’amministrazione procedente effettuerà idonei controlli, a campione,  in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi, o comunque in tutti i casi in cui lo ritenga opportuno.

I relativi controlli in merito alle dichiarazioni degli aspiranti medesimi, sono effettuati con le modalità previste dagli artt. 71 e 72 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445.

E’, in capo alle amministrazioni, l’onere di effettuare il controllo sulla veridicità delle dichiarazioni rese in sede d’istanza, procedendo, in un’ottica di massima semplificazione, all’acquisizione diretta delle informazioni, qualora queste siano in suo possesso o possano essere acquisite da altre pubbliche amministrazioni.

Pertanto, l’istituto scolastico procederà direttamente alla verifica del casellario giudiziale con richiesta alla Procura della Repubblica per tutti i dipendenti  ed esperti esterni in ingresso dell'Istituzione scolastica.

Per quanto riguarda i documenti non in possesso delle pubbliche amministrazioni, la persona autocertificante, entro il termine dato dalla presente scuola, è tenuto ad esibire, in originale l’ulteriore documentazione probatoria rispetto a quella già in possesso della pubblica amministrazione, a conferma delle dichiarazioni rese in sede di domanda.

L’aspirante è tenuto ad esibire quanto richiesto dall’amministrazione, entro i termini indicati dall'amministrazione, fissati per rispettare i tempi necessari al termine del provvedimento finale.